Pubblicato in: dove sta scritto?

Dove sta scritto?… Caldaia MARCIA

melanzane-sottolioMi chiama il Cliente e mi fa: «C’è qui l’ispettore per la verifica periodica dell’impianto di terra che TU mi hai detto che dovevamo fare. Mi sta dicendo cose sulla caldaia e dice che non siamo in regola. Te lo passo…».

Ispettore: «Buongiorno ingegnere»

IO: «Buongiorno a Lei. Mi dica tutto. Non si tenga dentro nulla, si lasci andare liberamente»

Ispettore: «Avete richiesto una verifica periodica quinquennale dell’impianto di messa a terra. Io qui però vedo che avete una caldaia a metano di potenzialità termica > 116 kW»

IO: «Eh, sì. D’inverno c’hanno freddo. Abbiamo presentato la SCIA ai Vigili del fuoco. È tutto a posto»

Ispettore: «Mica tanto… Se l’attività è soggetta al controllo periodico dei VVF, la verifica dell’impianto di terra la dovete richiedere con frequenza biennale»

IO: «Lei è confuso»

DOVE STA SCRITTO?

Nel DPR 462/2001 e nella norma CEI 64/8.

Ricominciamo daccapo.

Il DPR 462/2001 prevede che le verifiche biennali vengano eseguite, tra gli altri, sugli impianti di messa a terra per ambienti a maggior rischio in caso di incendio (da qui l’acronimo MARCI).

La confusione sta nel confondere i luoghi MARCI con gli ambienti soggetti a controllo da parte dei Vigili del fuoco.

È bene precisare che la norma CEI 64/8, all’art. 751.03.1.1, dice esplicitamente che:

L’individuazione degli ambienti MARCI non rientra nello scopo della presente sezione.
(omissis)
Tali parametri devono essere opportunamente esaminati nel più vasto ambito della valutazione dei rischi e della prevenzione incendi, a monte del progetto elettrico.

Al successivo art. 751.03.1.2, aggiunge:

In generale, in assenza di valutazioni eseguite nel rispetto di quanto indicato in art. 751.03.1.1, gli ambienti dove si svolgono le attività elencate bel DPR 151/2011 sono considerati MARCI.

Ed è qui che, con un volo pindarico, si era teletrasportato l’ispettore:

attività soggetta a controllo VVF –> Luogo MARCI –> verifica biennale

Ma il determinismo causale tra la premessa e la conclusione era tutto nella sua testa. La norma CEI 64/8 non dice questo e va letta nel suo complesso, fermo restando che, all’articolo succitato, la norma si limita a fornire un criterio di carattere generale ma la valutazione se un ambiente è MARCI o NON MARCI è, in ultimo, affidata sempre al datore di lavoro.

La norma infatti, pur non avendo tra i propri obiettivi quello di definire i luoghi MARCI, nei successivi articoli, definisce i requisiti che gli impianti elettrici devono possedere per essere installati in detti luoghi, dividendoli in 3 tipologie:

  1. ambienti ad elevato affollamento o elevato tempo di sfollamento o elevato danni a cose e animali;
  2. ambienti con strutture portanti combustibili;
  3. ambienti con materiale combustibile in lavorazione, convogliamento, manipolazione o deposito quando il carico d’incendio specifico di progetto supera450 MJ/m2.

Quest’ultimo è il  caso che avrebbe potuto riguardarmi.

Tuttavia, se eseguissimo il calcolo del carico d’incendio specifico di progetto previsto dal DM 9 marzo 2007, non si arriverebbe mai a 450 MJ/m2*.

Insomma, dalla valutazione dei rischi, emerge che la centrale termica non è un locale a maggior rischio in caso di incendio e, pertanto, la verifica periodica dell’impianto di messa a terra (in assenza di altre causali che ne potrebbero ridurre la periodicità) era e resta quinquennale.

_________________________________________________________________________________
* Il metano ha un potere calorifico di 50 MJ/kg (31,65 kJ/m3).
Una caldaia da 116 kW mi può consumare al massimo 116*3,6/31,65=13,2 m3/h di metano.
Avendo il metano una densità di 0,7 kg/m3/h, in un’ora avrò nel locale 9,24 kg di metano e, dunque, 462 MJ che, per una centrale termica di 20 m2, mi fanno 23,1 MJ/m2 di carico di incendio specifico.
Il tutto supponendo che la centrale termica sia installata in un vasetto per le melanzane sottolio a chiusura ermetica.
Aggiungici i vari fattori moltiplicativi previsti dal DM 9 marzo 2007 e ad un carico d’incendio specifico di progetto di 450 MJ/m2 ci arrivi dopo oltre 16 ore di rilascio in vasetto di melanzane sottolio di 20 m2 ad elevato rischio di incendio e privo di qualunque misura, anche minima, di protezione antincendio.

 

Annunci
Pubblicato in: cultura della sicurezza

Intervista col pollo

gestione-rischio-pollo

Se uno scrive un libro, è perché ritiene di avere qualcosa da dire.
Che questo qualcosa possa davvero interessare qualcuno è tutto da dimostrare.

E invece, in questo caso, qualcuno c’è cascato e ha ritenuto che il libro «Risk Safety Management» che ho scritto insieme all’Ing. Erica Blasizza meritasse, addirittura, una breve intervista sul sito www. ingegneri.info che potete leggere qui.

A proposito… se qualcuno di quelli che hanno già comprato e letto il libro (sì, lo so che ci siete), intendesse fare una recensione, è benvenuto 🙂

Pubblicato in: cultura della sicurezza

D.Lgs. n. 81/2008 in formato ePub… Gratis! (Ver.1.02 con Decreto Sicurezza)

Ver102È stato pubblicato in GU il Decreto-legge 4 ottobre 2018, n. 113 (cosiddetto Decreto Sicurezza) che, tra le altre cose, modifica l’art. 99, comma 2 del D.Lgs. n. 81/2008, imponendo al Committente nei cantieri l’obbligo di notifica preliminare anche al Prefetto (ne avevamo parlato qui).

Adesso potete scaricare da qui il testo completo del Decreto in formato ePub, con l’aggiornamento previsto.

È gratis e non dovete registrarvi da nessuna parte, potrete averlo sempre con voi, leggerlo direttamente dal vostro smartphone (è più comodo da consultare di un pdf), sfogliarlo nel vostro tempo libero, mostrarlo agli amici.

Il file pesa circa 23 MB. Scaricando direttamente da smartphone, vi si aprirà la pagina del servizio Onedrive. Cliccando sull’icona della una freccia rivolta verso il basso – nello screenshot qui sotto l’ho inscritta in un cerchio rosso – parte il download.

IMG_0099

Una volta che avrete scaricato il file, se avete un iPhone (o iPad), potete aprirlo con l’applicazione iBooks. Sui terminali Android dovete avere un lettore di ePub (es. Moon+ reader, eReader Prestigio ecc.)

N.B. Se sul vostro iPhone è già presente la precedente versione, cancellatela. Altrimenti continuerete a visualizzare quella.

Alcune istruzioni per facilitarne l’uso.

  1. attraverso l’indice dell’ePub potete navigare direttamente tra i Titoli e gli allegati del Decreto (vedi screenshot più sotto);
  2. all’inizio di ogni Titolo avete l’elenco degli articoli. “Tappando” col dito su quello che vi interessa, sarete inviati al testo corrispondente (vedi screenshot più sotto);
  3. Le note sono indicate da un apposito simbolo (vedi screenshot). Tappando su di esso si aprono le indicazioni relative ai provvedimenti di modifica subiti dal Decreto;
  4. Le sanzioni, ove presenti, sono indicate da un apposito simbolo (vedi screenshot). Tappandovi sopra col dito vi apparirà l’entità della sanzione;
  5. Usando i menu di navigazioni in intestazione o piè di pagina (vedi screenshot più sotto), potete andare dove vi pare, ingrandire o ridurre i caratteri, fare ricerche testuali, inserire segnalibri.

 

Qualche altra noticina:

  1. il file è aggiornato con tutte le modifiche, proprio tutte, ma tutte, tutte, intervenute fino ad oggi (fa fede la data del post e c’è un capitolo Note che specifica quali modifiche sono state apportate alla versione);
  2. appena lo aprite, potrebbe impiegare qualche secondo per caricarsi. Abbiate pazienza, sarete ricompensati…
  3. saltando tra le note e le sanzioni, in uno specifico ordine che conosco solo io e che riproduce la disposizione sequenziale dei nucleotidi del mio DNA, potete accedere a tutte le modifiche future del D.Lgs. n. 81/2008, fino al 2028;
  4. saltare tra le note, i rinvii degli articoli, gli allegati crea dipendenza… Se vi rendete conto che state passando le ore sul Testo unico, fatevi un giro su Pornhub o leggetevi i commenti ad un articolo del Fatto Quotidiano.

Se avete problemi con il download o, meglio ancora, se volete darmi suggerimenti, o ci sono specifiche richieste per migliorare l’eBook, scrivete un commento a questo post.

Pubblicato in: Altro, Normativa

Nel Decreto Sicurezza l’arma «Fine di mondo» per combattere gli infortuni

Stavo in pensiero.
Era da un pò di tempo che il legislatore non si faceva sentire con qualche novità.
Mi chiedevo: gli sarà capitato qualcosa? Si sarà offeso con i lavoratori che continuano ad infortunarsi nonostante tutti i suoi tentativi di impedire gli infortuni con la produzione continua di carte, firme e date certe?

Niente di tutto questo.
L’astuto estensore di norme, dopo aver elaborato centinaia di tabelle, incrociato giga di dati e mangiato migliaia di Pan di stelle (di cui è notoriamente ghiotto), ha finalmente trovato la causa ultima degli infortuni, la radice di ogni male, il vizio occulto che stava vanificando tutti i suoi sforzi: gli UMARELL.

Umarell

Proprio loro.
Parliamo di quegli – apparentemente – innocui anziani che appena vedono un cantiere entrano in uno stato di coma vigile che impedisce loro di distogliere gli occhi dalle lavorazioni, mantenendo un’attenzione costante a quello che accade nel cantiere.
A quanto pare, costoro, con i loro commenti e la loro presenza distraggono il lavoratore che, come si sa, mi si emoziona per un nonnulla, finendo col fargli commettere errori che si traducono in infortuni.
Nella banca dati dell’INAIL c’è un caso in cui un umarell usava una cerbottana per attirare l’attenzione dei lavoratori che montavano un ponteggio, causando la caduta di uno di questi. L’umarell si è difeso sostenendo che quelli avevano scordato di mettere una fascia fermapiedi. Per dire dove arriva l’effetto umarell….
E del resto, gli umarell mi agiscono fuori dall’area di cantiere, dove gli ispettori di ASL o Ministero del lavoro non possono intervenire…

E non finisce qui: accalcandosi fuori dalla recinzione del cantiere, gli umarell rallentano il traffico, ostruiscono le piste ciclabili, impediscono il passaggio delle mamme col passeggino. Lo stato catatonico in cui versano, non gli consente di visualizzare nulla di ciò che accade fuori dall’area di cantiere.
Capite anche da soli come il problema non si limiti alla sicurezza sul lavoro, ma sia un vero e proprio problema di pubblica sicurezza, sul quale le ASL ed il personale del Ministero del Lavoro non hanno competenza.

Questo il legislatore ora lo sa e così ha escogitato l’arma «Fine di mondo», la soluzione finale per eradicare il problema: l’obbligo di invio della notifica preliminare anche al PREFETTO, contenuta nel Decreto Sicurezza (o Decreto Salvini) che modifica l’articolo 99, comma 1, del D.Lgs. n. 81/2008*.

La scelta è comprensibile, data l’emergenza del fenomeno: secondo il Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, il prefetto ha tra i suoi poteri quello di adottare provvedimenti contingibili ed urgenti, se indispensabili per la tutela dell’ordine pubblico e della sicurezza pubblica.
Non so… Penso per esempio all’idea di campi di concentramento per umarell, al DASPO dai cantieri per i più riottosi.

Ma possono anche essere attrezzate apposite aree sicure, lontane dai centri abitati, con cantieri finti nei quali l’umarell possa sollazzarsi ed, eventualmente, provare a recuperarli con dei servizi sociali, tipo fargli mettere i coni di segnalazione per i cantieri stradali, fargli  fare la stesura dell’asfalto. Cose così.

Ben fatto!!!

 

*È tutto vero… Intendo la faccenda della notifica preliminare al Prefetto: art. 28 dello schema di Decreto

 

Pubblicato in: Altro, incidenti

INAIL: azione di regresso o estorsione?

estorsioneLo sanno anche i sassi: in caso di infortunio sul lavoro, l’INAIL indennizza il lavoratore infortunato, ma può successivamente rivalersi sul datore di lavoro, richiedendo indietro la somma versata.

Quelle che a molti non sono note, sono le circostanze che rendono possibile l’azione di regresso (si chiama così) e, spesso, chi solleva la questione si pone due domande (in genere precedute da bestemmie e improperi):

  1. com’è possibile che l’INAIL possa chiedere al datore di lavoro indietro i soldi senza che sia stata accertata alcuna responsabilità in sede penale?
  2. che senso ha pagare l’assicurazione dell’INAIL se poi bisogna restituire i soldi che lei versa all’infortunato?

Per rispondere alla prima domanda, occorre comprendere il senso dell’art. 61, comma 1 del D.Lgs. n. 81/2008:

In caso di esercizio dell’azione penale per i delitti di omicidio colposo o di lesioni personali colpose, se il fatto è commesso con violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro o relative all’igiene del lavoro o che abbia determinato una malattia professionale, il pubblico ministero ne dà immediata notizia all’INAIL ed all’IPSEMA, in relazione alle rispettive competenze, ai fini dell’eventuale costituzione di parte civile e dell’azione di regresso

La norma non dice che, per esercitare l’azione di regresso, l’INAIL debba attendere la sentenza penale di condanna. No. È sufficiente l’esercizio dell’azione penale, ovvero, nella maggioranza dei casi, che sia avvenuto un evento riconducibile alla commissione di un reato perseguibile d’ufficio (omicidio colposo o lesioni personali colpose gravi o gravissime).

Quando il P.M. riceve la notizia di reato, ne darà comunicazione all’INAIL che potrà esercitare l’azione di regresso. Se non è la magistratura a muoversi, perché per esempio il superamento dei giorni di prognosi necessari per configurare il reato di lesioni personali colpose gravi avviene a tranche, è l’INAIL stessa che dovrà comunicare al P.M. il superamento dei 40 giorni di prognosi definitiva perché si proceda all’esercizio dell’azione giudiziaria.

In questi casi, laddove l’INAIL decida di esercitare l’azione di regresso, il giudice competente sarà il Giudice civile che dovrà accertare il reato e decidere se c’è una responsabilità del datore di lavoro e se, dunque, questi debba restituire o meno i soldi all’Istituto.
Nel processo civile, il datore di lavoro dovrà provare che l’infortunio o la malattia non siano dipesi da sue responsabilità e che egli aveva adempiuto ai propri obblighi, altrimenti dovrà ridare indietro all’INAIL i soldi che questo avrà versati all’assicurato.

E qui veniamo alla seconda domanda: ma quindi che pago a fare l’INAIL se poi le devo dare indietro i soldi?

L’esistenza stessa dell’INAIL è applicazione dell’art. 38 della Costituzione che, tra le altre cose, dice:

I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione involontaria.
(omissis)
Ai compiti previsti in questo articolo provvedono organi ed istituti predisposti o integrati dallo Stato.

Lo scopo dell’INAIL è quello di risarcire i lavoratori o assisterli in caso di infortunio o malattia. L’INAIL, perciò, paga sempre* il lavoratore ed esonera il datore di lavoro dalla responsabilità civile.
Ma, laddove venga riconosciuta la commissione di un illecito penale, l’esonero dalla responsabilità civile viene meno e  darà seguito ad un’azione risarcitoria nei confronti del responsabile, fermo restando il principio che (art. 41 della Costituzione) l’iniziativa privata economica è libera ma essa non può arrecare danno alla sicurezza e, dunque, è primario il dovere del datore di lavoro di garantire la sicurezza del lavoratore.

Un’ultima annotazione: non siamo soli. Regno Unito, Francia e Germania hanno anche loro il diritto di rivalsa

 

*Sempre… Sempre che sia riconosciuto l’infortunio o la malattia professionale

Pubblicato in: cultura della sicurezza, valutazione dei rischi

Safety risk management: il libro

Risk-Management

In un remoto allevamento situato nella campagna calabrese, un pollo neopositivista si prefigge il serio proposito di comprendere il funzionamento dell’universo.
Fedele alla vocazione scientifica del positivismo logico, egli si appresta ad affrontare con rigore metodologico l’impresa, munendosi di strumenti di rilevazione tarati e certificati, consapevole che solo l’empirismo e la logica potranno condurre ad esiti oggettivi e verificabili.
Il primo giorno di osservazione accadono i seguenti fatti straordinari:

  • gli strati superiori dell’atmosfera riflettono la luce solare. Il pollo annota l’ora esatta dell’alba;
  • il gallo canta. Il pollo annota l’orario, la posizione GPS del gallo e, grazie ad un fonometro di classe 1, rileva la pressione sonora dei chicchirichì ed il numero di ripetizioni;
  • un essere umano entra dal cancello, portando con sé del cibo. Il pollo rileva i suoi dati antropometrici, le caratteristiche del vestiario dell’uomo, pesa la quantità di cibo e ne cataloga la varietà;

Non daremo conto di tutte le osservazioni effettuate dal pollo. Siamo tuttavia testimoni dell’enorme mole di dati raccolti al termine della prima giornata e dell’impegno dimostrato dal dotato pennuto.

(segue)

Così inizia il libro «Safety risk management – ISO 31000, ISO 45001, OHSAS 18001» redatto dal sottoscritto e dalla collega Ing. Erica Blasizza, appena pubblicato dalla casa editrice Wolters Kluwer Italia.

Come ho scritto nella premessa del volume:

Nulla è gratis e dove è presente la possibilità di un risultato, si insidia la possibilità di una perdita.
La scelta è tra governare o essere governati dal rischio.

Libro Safety Risk ManagementL’idea di fondo che ci ha spinto a voler scrivere questo libro è il tentativo di fornire una descrizione del rischio diversa dalla solita, meno basata sulla illusione della sua prevedibilità e rimozione e più concentrata sugli aspetti della sua gestione, controllo e rilevabilità (qui trovate l’indice del libro e qui potete acquistarlo).

La prima parte del libro è dedicata al tema dell’incertezza ed al suo rapporto con la complessità. Si tenta di fornire una lettura alternativa alla narrazione classica  che spieghi come possano accadere incidenti come, per esempio, quello della Costa Concordia e si rappresentano due possibili e opposti approcci al tema del safety risk management.

Nella seconda parte dò conto della norma ISO 31000:2018, la mamma di tutte le norme ISO rivolte alla gestione del rischio, la linea guida per eccellenza sul tema, la possibile risposta per quelle organizzazioni che cercano un approccio “olistico” al risk management.

Nella terza parte l’Ing. Erica Blasizza, partendo dalla sua esperienza in materia di sistemi di gestione, fornisce indicazioni pratiche, utilizzando schede ed esempi di procedure, per impostare un sistema di safety risk management basato sullo standard ISO 45001:2018 o per migrarvi partendo dallo standard OHSAS 18001:2007.

Ah, il libro è disponibile anche in formato elettronico.

Pubblicato in: cultura della sicurezza, valutazione dei rischi

Fare a gara a chi ce l’ha più piccolo

libro_grossoL’argomento rientrerebbe a buon titolo nella categoria «pornografia della sicurezza» per il livello di perversione che suscita in molti. Parliamo del Documento di Valutazione dei Rischi e della diffusa tendenza nel ritenere che quando un DVR è troppo “lungo” – cioè, è costituito da molte pagine – ciò sia un problema (gli psicoanalisti ancora si interrogano sul fenomeno).

A dire il vero, è lo stesso art. 28, comma 2, lett. a) del D.Lgs. n. 81/2008 che al secondo periodo afferma:

La scelta dei criteri di redazione del documento è rimessa al datore di lavoro, che vi provvede con criteri di semplicità, brevità e comprensibilità, in modo da garantirne la completezza e l’idoneità quale strumento operativo di pianificazione degli interventi aziendali e di prevenzione;

Dunque, «semplice», «breve», «comprensibile», ma anche «completo» e «idoneo».
E che ci vuole? È per questo che amo le antinomíe, per quella loro capacità di permetterti di girare la frittata come ti pare.

Tuttavia, vale la pena soffermarsi sul fatto che i primi tre termini sui quali si concentra l’attenzione della maggioranza (semplice, breve e comprensibile) sono, in effetti, pleonastici, dato che l’unica cosa che importa è il risultato: il DVR deve essere utile a fini operativi di pianificazione.

È opinione diffusa che una buona valutazione dei rischi sia il punto di partenza per mettere in piedi un buon processo decisionale ed un buon sistema di gestione del rischio.
D’altro canto, un’organizzazione che ha un buon sistema di gestione del rischio, è probabilmente un’organizzazione in grado di far meglio la valutazione dei rischi e utilizzarne meglio gli esiti.
Il loro documento, visto dall’esterno, potrebbe non essere considerato breve, semplice, comprensibile, ma essere perfettamente sensato all’interno di quella organizzazione.
Qual è la causa e qual è l’effetto?

Ora, è vero che dietro molti DVR grandi si nascondono consulenti piccoli, ma non è detto che dietro un buon documento di valutazione dei rischi si nasconda una buona valutazione dei rischi.
E non è nemmeno detto che un brutto DVR (lungo e grosso, il Mandingo dei documenti) sia sintomo di una cattiva valutazione dei rischi (benché questa sia l’assunzione più in voga tra gli addetti).

Potrei citare diversi, rilevanti motivi per cui è impossibile trovare il giusto punto di compromesso tra la brevità e l’esaustività.
Trovo il dibattito intorno alle dimensioni di un DVR poco utile. Ma poco utile assai…

Piuttosto, il dibattito dovrebbe girare intorno alla seguente questione: ma come possiamo fare per trasferire i contenuti di un DVR, lungo o corto che sia, a chi di dovere (datore di lavoro, dirigente, preposti)?
Per davvero, però…