Se pensate che la sicurezza sia un costo, provate con un incidente!

Quanto costa un infortunio sul lavoro?

Farsi un’idea degli ordini di grandezza dei fenomeni è utile per costruirsi una rappresentazione corretta del mondo in cui viviamo.

È un concetto che Enrico Fermi aveva ben chiaro, tanto da essere ricordato, tra le altre cose, per la sua capacità di fare stime sufficientemente precise dell’entità di fenomeni complessi, partendo da pochi elementi certi o ragionevoli. Per dire, Fermi, in occasione del primo test della bomba atomica, riuscì a stimare la potenza dell’esplosione, facendo cadere dei pezzettini di carta al passaggio dell’onda d’urto (qui trovate la disamina originale).

Io mi sono dedicato ad una stima più semplice, quella del costo medio degli infortuni in Italia, partendo da alcuni dati. Nessuna velleità di voler rappresentare con precisione il fenomeno, semplicemente volevo farmi un’idea più compiuta.

Disclaimer: seguono numeri. Lo giuro, ho usato la sola aritmetica, ma se soffrite alla sola idea di vedere un simbolo matematico, passate avanti, solo che vi perdete il ragionamento.

Quanto costa complessivamente la sicurezza sul lavoro al Sistema Paese? Non è facile dirlo. Le stime di organismi ufficiali (EU-OSHA, INAIL) la pongono tra il 2,5 ed il 3,2% del PIL.

Siccome il PIL dell’Italia, nel 2015 era di 1636 miliardi di euro, stiamo tra (arrotondando):

 41 miliardi € ≤ Sicurezza ≤ 52 miliardi €

Sì, questi sono i numeri. Già si comincia a comprendere la necessità di farsi un’idea dell’entità dei fenomeni. Assumeremo che sia pari a 46 miliardi €.

Questo valore è dato da tre macrovoci, quelle che più di tutte le altre compongono il contributo al PIL:

  • Costo dell’assicurazione: circa 10 miliardi € (per la precisione 9,6 miliardi, secondo la relazione annuale INAIL 2015);
  • Spesa in prevenzione: circa 16 miliardi € (l’Osservatorio statistico degli infortuni dell’INAIL la pone a 1,01% del PIL), spesi in formazione, DPI, acquisto di attrezzature a norma, ecc.;
  • Costo indiretto: per differenza rispetto al contributo della sicurezza al PIL, mi fa 20 miliardi €. Qui dentro c’è di tutto: spese mediche, giudiziarie, sanzioni… Tutto il tuttibile, fatta eccezione le voci di cui sopra;

Nel 2015, secondo l’ISTAT, il numero di lavoratori occupati era di 17 milioni.

Siccome, quell’anno lì, ci sono state 254 giornate lavorative, il numero di giorni lavorabili dalla massa dei lavoratori è stato:

254 x 17 milioni = 4,3 miliardi di giorni lavorativi

la somma del costo assicurativo e della spesa in prevenzione, mi fa complessivamente 26 miliardi di euro, pertanto il costo della sicurezza della giornata lavorativa è:

26 miliardi / 4,3 miliardi = poco più di 6 €/giorno lavorativo

Questa, diciamo, è la spesa necessaria.

Sempre dalla relazione INAIL 2015 mi ritrovo che nel 2015 sono stati persi 9 milioni di giorni di lavoro per infortuni in occasione di lavoro (ho epurato gli infortuni in itinere). Trascuro le malattie professionali che ci hanno fatto perdere altre 78.000 giornate.

Quindi, la spesa non necessaria, legata ai costi indiretti è di ben:

20 miliardi € / 9 milioni giorni infortunio =
poco più di 2.200 €/giorno di infortunio

Poiché secondo Eurostat, il costo medio dell’ora di lavoro è di 28,09 €/h, il costo giornaliero del lavoro è di (comprende anche l’assicurazione INAIL):

28,09 €/h x 8 h = 224,72 €/g

Conclusioni

Il rapporto tra il costo medio di una giornata di lavoro ed una giornata di infortunio è di:

1:10

Ecco perché la sicurezza è un investimento, oltre ad essere un imperativo morale.

Precisazioni

Il calcolo può essere affinato facendo ulteriori considerazioni per ottenere stime più precise, ma non vi aspettate scostamenti rilevanti. Se le assunzioni fatte, in particolare quella sul contributo della sicurezza al PIL (e dubito che qualcuno possa citare fonti più autorevoli dell’EU-OSHA o dell’INAIL), sono corrette, le differenze di risultato saranno minime.

Annunci

La normalità degli incidenti

In un precedente post ho cercato di rappresentare alcuni limiti dell’attuale approccio prevenzionistico basato sulla valutazione dei rischi.

Come sappiamo, l’uso di questo strumento è stato introdotto dai recepimenti delle direttive comunitarie di fine anni ’80 come misura complementare alla prevenzione/protezione di natura puramente tecnologica che, storicamente, dalla rivoluzione industriale in poi, ha rappresentato il paradigma stesso di “sicurezza”.

Questa faccenda della valutazione dei rischi nasce da studi iniziati nella seconda parte degli anni ’70 che avevano evidenziato come molti incidenti che, a prima vista, sembravano avere natura tecnologica, in realtà nascondevano anche (o soprattutto) tutta una serie di fallimenti, errori, omissioni a livello organizzativo.

Ciò che ha solleticato l’interesse del legislatore comunitario è l’apparente, ovvia conclusione che, dopo aver attuato le misure tecnologicamente fattibili, se valuti i rischi rimanenti e ti organizzi adeguatamente, è praticamente impossibile che qualcosa possa andar male (e se qualcosa va male è, ovviamente, perché hai eseguito male qualcuno dei passaggi precedenti).

Su queste premesse è costruito l’intero paradigma della sicurezza del D.Lgs. n. 81/2008.

Ora, io sostengo con forza che questo approccio è totalmente insufficiente, velleitario, platonico e ci sta facendo spendere un mucchio di energie e risorse.

Se guardiamo le statistiche INAIL, in particolare le serie storiche di dati dal 1951 al 2010[1], mostrano come dal 1994 (anno di introduzione del D.Lgs n. 626/1994) il numero degli infortuni mortali e non mortali sia sì lentamente decresciuto, ma seguendo una tendenza già abbondantemente avviata in precedenza.

2

1

Analogamente dal 2008 (anno di introduzione del D.Lgs. n. 81/2008) al 2015.

3

4

Occorre inoltre tenere conto che:

  • Questi numeri sono assoluti, mentre si sarebbe dovuto analizzare il tasso infortunistico sul numero di ore lavorate, ma l’INAIL non fornisce questo dato (e io un po’ mi rompo a incrociarlo con le statistiche ISTAT);
  • Dal 2008 al 2015 il numero di ore lavorate si è ridotto drasticamente a causa della crisi economica. L’INAIL stessa afferma che questo spiega in parte la riduzione del numero di infortuni degli ultimi anni;
  • Non c’è mica solo la normativa ad essersi evoluta dal 1951 ad oggi, eh… anche la tecnologia, la consapevolezza e la cultura hanno fatto passi da giganti e possono contribuire a spiegare il trend infortunistico.

A mio avviso, pur non potendo trarre conclusioni definitive, ci sono forti elementi di dubbio sull’efficacia di questo approccio come arma finale nella lotta al fenomeno degli infortuni sul lavoro.

La questione è che tutta ‘sta faccenda è nata già vecchia perché, mentre varavano la direttiva comunitaria, altri approcci teorici tendevano a smontare questa rappresentazione platonica del rischio il cui principale difetto è quello di non tenere conto della complessità dei sistemi.

Nel 1984 Charles Perrow disegnò la Normal Accidents Theory che, in sostanza, afferma che, eventi apparentemente stupidi e errori/fallimenti non critici possono a volte interagire tra loro in modi totalmente inattesi, fino a produrre disastri. Egli arriva ad affermare che, in sistemi particolarmente complessi, l’incidente è sostanzialmente inevitabile (da cui la denominazione di incidente “normale”).

C’è un famoso grafico che, in funzione di due parametri che Perrow considera cruciali (interazione e connessione), permette di sapere dove si colloca un’ipotetica organizzazione rispetto alla sempre maggiore ineluttabilità dell’incidente (angolo in alto a destra).

3-Perrow-from-Accidents-Normal

La faccenda è che anche questo grafico (risalente all’edizione del 1984) dovrebbe essere aggiornato alla complessità crescente di oltre 30 anni di evoluzione tecnologica e organizzativa.

Oggi qualunque linea e processo di produzione si è spostato verso l’alto e verso destra.

Un cantiere odierno è abbondantemente nel quadrante 2, oggi molto più che in passato.

Ciò che rende sempre più normali gli incidenti è la sempre minore comprensione del funzionamento delle cose e dei sistemi da parte di chi lavora e di chi organizza e ciò a causa dell’incremento della complessità tecnologica (compreso l’uso l’uso di software) e organizzativa che fanno sì che gli incidenti siano il prodotto di persone normali che fanno lavori normali in organizzazione normali.

A valle dell’incidente, al contrario, tutto sarà spiegato ricorrendo alla rappresentazione di eventi eccezionali prodotti da scorrette decisioni determinate da errate valutazioni dei rischi.

La verità è che, con un approccio di tipo riduzionista possiamo anche mettere in sicurezza le singole parti di un sistema, ma non è detto che il sistema nel suo complesso sarà sicuro, poiché non si possono studiare, a causa della complessità, le interazioni tra le parti. Insistere sulla necessità di eliminare o ridurre tutti i rischi attraverso la loro valutazione non renderà la realtà più semplice e gli incidenti meno inevitabili.

 

 

[1] Purtroppo l’INAIL, dal 2010 in poi, ha modificato la modalità di aggregazione dei dati, per cui i grafici dal 1951 al 2010 e quello dal 2008 al 2015 non possono essere comparati, nemmeno come tendenze di andamento, ma devono essere analizzati separatamente