Pubblicato in: Altro, Senza categoria

10 FAQ sulle mascherine

FAQ

1. Perché continui a parlarci di mascherine e respiratori?

In effetti l’argomento è meno importante di tante altre misure di prevenzione come il lavaggio delle mani e la distanza di sicurezza, ma ha scalato le classifiche dell’interesse generale e questo rischia di cambiare l’ordine delle priorità nella testa delle persone se non si comunica adeguatamente come stanno le cose.
Una “maschera” è un oggetto visibile, comprensibile, intuibile nel suo funzionamento e, pertanto, percepito come più efficace di una distanza (“chi me lo dice che il virus non viaggia più lontano di 1 m?”) o il lavaggio delle mani (“E del virus che dall’asfalto contaminato passa alle suole delle scarpe, ti entra in casa e ti aggredisce nel sonno, ne vogliamo parlare?”).
Modificare le priorità e non dare la giusta rilevanza alle cose equivale, più o meno, ad attaccarti al culo della macchina che ti precede, tanto c’hai la cintura di sicurezza e i riflessi pronti.

2. Ci sono differenze tra le mascherine chirurgiche e le maschere FFP2 o FFP3?

Molte. Le maschere chirurgiche sono dispositivi ad uso medico con la funzione di impedire a chi le porta di sputazzare addosso a qualcun altro, contagiandolo se lo sputazzatore è infetto. In subordine, queste maschere proteggono anche dalle sputazzate che ti possono arrivare da altri, ma non sono altrettanto efficaci contro l’inalazione di particelle in sospensione (vedi anche FAQ 9) perché “calzano larghe” e, dunque, non garantiscono una buona tenuta dei bordi dall’ingresso di contaminanti verso l’interno.
Le maschere FFP2 o FFP3 (la loro denominazione corretta è “respiratori a filtro”) sono invece Dispositivi di Protezione Individuali (DPI) e isolano le vie respiratorie del portatore dai contaminanti (polveri, aerosol, sputazzi) presenti nell’aria. Si distinguono per la loro efficienza filtrante e anche (direi, soprattutto) per la perdita di tenuta verso l’interno (ovvero l’ipotesi che il contaminante passi comunque, in qualche modo, vedi anche FAQ 6).

3. Ma è vero che i respiratori non riescono a fermare i virus perché sono troppo piccoli rispetto alle “maglie” del filtro?

Non è vero. Le particelle più piccole di 0,3 μm, come i virus, esibiscono un moto cosiddetto “browniano” (Einstein lo spiegò in modo abbastanza semplice, con lo zucchero, dimostrando indirettamente che gli atomi esistevano veramente. Ma lui era Einstein e faceva cose). In sostanza, sono talmente piccole che sbattono a qualunque cosa, comprese le molecole di gas contenute nell’aria, e il loro moto non segue una direzione prevedibile. Pertanto è altamente probabile che finiranno per impattare contro una fibra del filtro e rimanere lì. Gli studi condotti mostrano che essi potrebbero filtrare particelle fino a 0,007 μm (molto più piccole di un virus).

4. Quante volte posso riutilizzare la maschera e quanto dura la sua efficacia?

Maschere chirurgiche e respiratori sono da intendersi monouso. In condizioni ordinarie, la loro efficacia è garantita per tutto il tempo per cui sono indossate, ma nella pratica bisognerebbe sostituirle se, per gli effetti della respirazione o del parlare si inumidiscono. Inoltre non vanno mai rimosse dal viso. Altrimenti bisogna sostituirle.

5. Ok, sono monouso. In teoria… Ma non mi dirai che non c’è modo di farle “rinvenire” come le lenticchie?

Ecco. Questo è un esempio del perché trovo preoccupante che l’attenzione si concentri sulle mascherine. Contrariamente alla comune percezione, dietro questi, apparentemente semplici, mezzi di protezione c’è un mondo complesso, fatto di prove, test e certificazioni. Quando le condizioni al contorno non possono essere rispettate, il risultato non è più garantito.
Una delle condizioni è che le maschere e i respiratori sono monouso. Dopo il loro primo impiego, devono intendersi contaminate e pertanto non riutilizzabili. È vero, esistono anche respiratori con filtri riutilizzabili ma le considerazioni non cambiano, specie per la popolazione non professionale. Il rischio è quello di contaminarsi indossando un respiratore o una maschera contaminati.
Ciò detto, sono stati fatti degli studi per capire se si possono riutilizzare i respiratori e per trovare dei metodi per decontaminarli, proprio per circostanze come quelle attuali, nelle quali non c’è disponibilità di presidi e c’è un’emergenza in corso.
Con riferimento ai soli respiratori (e non alle mascherine chirurgiche) sono stati testati vari metodi: autoclavaggio, calore secco a 160°C, disinfezione con alcol isopropilico al 70%, acqua e sapone per 20 minuti, ossido di etilene, nebulizzazione con perossido di idrogeno, microonde, luce ultravioletta.
Quella che ha portato ai risultati migliori senza produrre un considerevole degrado del respiratore è stata la luce ultravioletta.

6. C’è altro che devo sapere?

Un sacco di cose. Una delle più importanti è che l’efficacia del respiratore dipende dalla sua adattabilità al viso, ovvero dell’aderenza dello stesso alla faccia. Barba, baffi, basette ne riducono l’efficacia. Ma soprattutto deve essere indossato correttamente e non deve essere spostato (o spostarsi accidentalmente). Tutto questo influisce sul reale valore della perdita di tenuta verso l’interno dichiarato del respiratore che è, nella pratica, ben più basso di quello teorico.
È altresì prevista l’esecuzione di una “prova di tenuta” per verificare che siano state indossate bene. È per questo che negli ambienti di lavoro è previsto l’addestramento per l’uso di questi DPI. I produttori forniscono queste indicazioni nelle istruzioni allegate alla confezione del respiratore.
Altre limitazioni potrebbero derivare da pregresse condizioni di salute compromessa che  potrebbero rendere la persona non idonea ad indossare il DPI.
E lavati sempre le mani dopo averla tolta, non toccando nient’altro prima di essertele lavate.
Inoltre, ricorda molto bene che, se quella respiratoria è la più comune via di infezione, non è l’unica. È necessario anche proteggere gli occhi, indossando occhiali di protezione.

7. Quindi mi stai dicendo che le mascherine non servono?

NO. Assolutamente no! Mascherine e respiratori sono importanti, purché accompagnate da un uso consapevole dei loro limiti e soprattutto se impiegate nel corretto ordine di priorità:

  1. state a casa;
  2. lavatevi le mani;
  3. se dovete uscire, mantenere la distanza di sicurezza;
  4. lavatevi le mani;
  5. se avete respiratori (o mascherine) che vi avanzano, indossateli, ma dovete sostituirli dopo ogni utilizzo. E vi servono anche un paio di occhiali di protezione…;
  6. lavatevi le mani;
  7. se il punto 3 non è applicabile, indossate un respiratore o mascherina, ma dovete sostituirli dopo ogni utilizzo. E vi servono anche un paio di occhiali di protezione…;
  8. lavatevi le mani;
  9. se i punti 3 e 7 non sono applicabili, non svolgete l’attività.
  10. lavatevi le mani.

Detto questo, ricorda: un uso non corretto di mascherine e respiratori può aumentare, anziché ridurre, il rischio di trasmissione dell’infezione. Per essere utile, e soprattutto per evitare problemi maggiori e falso senso di sicurezza, il loro uso deve essere accompagnato dallo scrupoloso rispetto di appropriate norme igieniche: in assenza di queste il loro uso potrebbe tradursi in un rischio aggiuntivo (per smaltimento non appropriato, per uso improprio di dispositivi che richiedono formazione e fit-test, per ingannevole senso di sicurezza che porta a trascurare altre precauzioni e misure igieniche.

8. Ricominciamo daccapo… Ma allora, quando devo indossare le maschere/respiratori?

Il grosso della risposta dipende da chi sei e che ci devi fare.
Per le persone comuni l’OMS continua a consigliarne l’uso se:

  1. si è infetti, per evitare di trasmettere l’infezione;
  2. se si deve prestare assistenza a persone contagiate o presunte tali.

Le disposizioni del Governo aggiungono, a questi, i casi in cui non è possibile mantenere la distanza di sicurezza di 1 m.

9. Ma se le mascherine non proteggono quanto i respiratori, è inutile indossarle se voglio proteggermi?

Con tutte le dovute cautele del caso e in considerazione che ci si trova in una condizione di emergenza e di indisponibilità di DPI, c’è da dire che gli studi condotti su personale infermieristico e il virus dell’influenza non hanno dimostrato una significativa differenza di efficacia tra i due presidi.
Questo ovviamente vale in circostanze ordinarie, quale può essere la semplice vicinanza ad un soggetto contagiato o presunto tale. Non è il caso di operazioni ad elevato rischio di aerosolizzazione (intubazione di un paziente, broncoscopia, ecc.).
Insomma, per le persone comuni che fanno cose comuni e la usano bene, la mascherina chirurgica potrebbe rappresentare un presidio altrettanto valido che non i respiratori FFP2 o FFP3.
Ad ogni modo, anche se siamo tutti brutte persone e pensiamo principalmente a noi stessi, deve passare il fondamentale concetto che mascherine/respiratori sono più importanti nel prevenire il diffondersi del contagio che nel proteggere chi le indossa.

10. L’ho usata. Non ho un inceneritore in casa. Che ci faccio?

Mettila in un sacchetto di plastica (senza toccare niente) e chiudi il sacchetto.
Lavati le mani.

Se cerchi altre letture sull’argomento:

 


V.I.P.S. (Very Important Post Scriptum)
Se hai letto questo post presumibilmente, anche tu, come il virus, esibisci un moto browniano saltellando tra siti che spiegano come sanificare le suole delle scarpe camminando in una pozza di acido per batterie e altri che mostrano come esista una evidente correlazione tra la fine della saga di Star Wars e l’inizio della pandemia .
Ora sei intrappolato tra le maglie di questo blog e non riuscirai a liberarti, quindi smettila di opporre resistenza e accetta l’idea di passare insieme questo periodo di quarantena.
Quindi, guarda in alto su questa pagina, sotto la mia foto, dove dice «Segui ottantunozerotto.it».
È lì che devi inserire la tua mail per essere avvisato quando usciranno le nuove puntate della mia serie “Stranger virus”.