Un metodo per il calcolo della ventilazione negli spazi confinati

Ho scritto un articolo per il prossimo numero di ISL nel quale tratto quelle che dovrebbero essere considerate le misure imprescindibili per i lavori negli spazi confinati.

Riporto di seguito un estratto, con un esempio applicativo di calcolo per determinare l’entità della ventilazione necessaria per rimuovere un’atmosfera esplosiva (replicabile anche per atmosfere tossiche, ragionando in termini di TLV-STEL anziché di LEL).

Si supponga di stare eseguendo l’applicazione di un antiruggine sintetico all’interno di uno spazio confinato.

La scheda di sicurezza del prodotto, evidenzia (sezione 3) come, tra le altre cose, esso sia composto da (tra le altre cose):

  • una concentrazione variabile dal 10 al 20% di «Idrocarburi C9-C12, N-Alcani, Isoalcani ciclici, Aromatici», identificati con CAS 64742-82-1 (es. nafta, acqua ragia…);
  • una concentrazione variabile dal 1 al 5% di Xilene.

A causa di questa elevata concentrazione di solvente, con riferimento al solo rischio di esplosione, la vernice nel suo complesso, presenta un’indicazione di pericolo H226 (liquido e vapori infiammabili) con un LEL di 0,6% in aria (sostanzialmente coincidente con quello dell’acqua ragia che ne costituisce il componente principale).

Si vuole conoscere l’apporto minimo di aria necessario a diluire i vapori fino a condurne la concentrazione al di sotto del 10% del LEL.

Dall’analisi del processo, si ipotizza che si avrà un tasso di impiego (D) della vernice pari a 50 kg/h.

Tenuto conto che la massa molare[1] dei due componenti è[2]:

  • MAcqua ragia = 0,138 kg/mol;
  • MXilene = 0,106 kg/mol,

allora la quantità di vapori di solvente prodotti a 20°C in un’ora, sarà pari a:

schermata-2016-12-13-alle-08-57-10

dove Vm è il volume molare che verrà considerato, con buona approssimazione, coincidente con quello di un gas ideale, che a pressione atmosferica e a 20°C è pari a: 24 l/mol.

Quindi:schermata-2016-12-13-alle-08-58-04

Se Q è la portata di ventilazione forzata, l’obiettivo è quello di garantire:

Schermata 2016-12-13 alle 08.59.37.png

ovvero:

Schermata 2016-12-13 alle 09.00.28.png

Questa sarà la portata che il nostro ventilatore dovrà garantire.

 

[1] In pratica, numericamente, il peso molecolare espresso in grammi

[2] È sufficiente una rapida ricerca su internet per ottenere la formula chimica della molecola ed, in alcuni casi,  direttamente il peso molecolare

Annunci

Ancora spazi confinati

Tre operai morti e altri tre in gravi condizioni sulla nave “Sansovino”. Non se ne sa ancora molto, ma una cosa è certa: è l’ennesimo incidente all’interno di uno spazio confinato.

Gli elementi per dirlo ci sono tutti:

  1. elevato numero di vittime: secondo la banca dati dell’INAIL, dal 2005 al 2010, sono accaduti 29 eventi negli spazi confinati, che hanno prodotto 43 vittime. Questo significa che, statisticamente, quando l’incidente accade in uno spazio confinato, avremo più di una vittima;
  2. l’ambiente nel quale è accaduto: uno spazio interno alla nave, probabilmente una sentìna o una cisterna;
  3. l’origine: l’aria respirata (probabile presenza di sostanze pericolose nell’aria, ma non si può escludere la possibile assenza di ossigeno).

Non è un caso se gli spazi confinati sono così pericolosi. I loro rischi sono intrinsecamente correlati alla loro natura, ma quella di uno spazio confinato è una natura complessa nella sua apparente semplicità. Sembra sostanzialmente un ambiente come un altro, mentre nasconde gigantesche insidie.

Piccolo esempio. Nel 2010 mi occupai come CTP di un caso di infortunio mortale in uno spazio confinato nel quale erano morti, anche lì, purtroppo, tre lavoratori. Durante un accesso ispettivo vidi personalmente i Vigili del Fuoco entrare nella cisterna metallica in questione muniti di autorespiratore con un faretto da cantiere alimentato a 220 V. Poiché la causa presunta dell’incidente era stata l’assenza di ossigeno nell’aria per avvenuta introduzione di azoto nello spazio confinato, erano talmente concentrati su quello specifico rischio, dall’aver completamente dimenticato il rischio mortale di elettrocuzione derivante dal ritrovarsi in un luogo conduttore ristretto.

In assenza di altre informazioni su quanto accaduto ieri sulla nave “Sansovino”, non  vado oltre, non entro nel merito di quanto accaduto. Ovviamente c’è un’inchiesta in corso, verranno certamente nominati dei periti e se ne saprà di più. A valle di un incidente, specie se grave come questo, è doverosa la ricerca di eventuali responsabilità ma, per chi come me si occupa di sicurezza sul lavoro queste sono secondarie rispetto alla conoscenza delle dinamiche.

 

Le responsabilità si ricercano ex post: deve prima accadere qualcosa, poi si cerca di chi, eventualmente, è la colpa. Conoscere le dinamiche, permette di agire ex ante, usare l’esperienza e la competenza per evitare che i fatti si ripetano.

Ovviamente non è così semplice. Di esperienza di incidenti negli spazi confinati, oggi ce n’è moltissima in giro, ce ne sarebbe già a sufficienza per evitare praticamente qualsiasi incidente. Il problema è:

  1. la diffusione dell’esperienza e della conoscenza;
  2. l’eccesso di esperienza.

Mi spiego. In questi anni si è parlato moltissimo di spazi confinati, formazione e competenza degli addetti che vi debbono operare, ecc. Ma siamo convinti che tutta questa informazione sull’argomento si sia diffusa capillarmente? Lo dico, anche qui, per esperienza: no! Abbondano ancora gigantesche sacche di ignoranza, specie tra le microimprese (non è evidentemente il caso della tragedia accaduta ieri). Non parlo semplicemente di inesperienza, ma di vera e propria non conoscenza del fenomeno, il motivo che spesso è uno dei fattori latenti che stanno all’origine di questi incidenti. Non saper riconoscere uno spazio confinato come tale, significa non valutarne i rischi, vuol dire non essere preparati a ciò che potrebbe accadere e, di conseguenza, non saper rispondere alla situazione. Quindi sì, di esperienza e conoscenza dell’argomento ce n’è tanta, ma distribuita male.

L’eccesso di esperienza, all’opposto, rischia di portare alla confidenza. Già l’etimologia di questa parola la dice lunga: «avere fiducia di…». Ecco, io personalmente non mi fiderei mai di uno spazio confinato, ma proprio mai. L’esperienza è una cosa buona, permette di avere familiarità di un rischio e saper anticipare ciò che potrebbe accadere. L’eccesso di esperienza è l’eccesso di una cosa buona e, come tutti gli eccessi, alla lunga fa male.

I due elementi, tra altro sono spesso correlati. L’eccesso di esperienza porta a pensare di conoscere tutto quello che riguarda l’argomento di cui si è esperti, al punto da non prendere proprio in considerazione l’ipotesi che ci sia qualcosa che non è noto, esponendosi così alle sue conseguenze come un qualsiasi soggetto inesperto.

Comunque sì, sono convinto che riconoscere uno spazio confinato come tale, sia la prima, essenziale necessità, senza la quale è molto difficile impedire che eventi come quelli sulla nave “Sansovino” possano ripetersi.

Questa è una condizione necessaria, ma non sufficiente.

Le spiegazioni dei singoli incidenti negli spazi confinati possono apparire semplici: tutto è evidente, specie dopo che qualcosa è accaduto. Risalire alle cause primarie col senno di poi è moooolto più facile che prevedere in anticipo quali possono essere gli innumerevoli eventi incidentali prima che le cose accadano.

Per questo è necessario, sempre, sempre, sempre rispettare la gerarchia delle misure di prevenzione e protezione che, in molti casi, permetterebbero di entrare a conoscenza di fattori preliminarmente non tenuti in considerazione. Il rispetto dell’ordine gerarchico è fondamentale, ai fini dell’efficacia di tali misure:

  1. Eliminazione o sostituzione
    • eliminazione degli spazi confinati (in fase di progettazione, è possibile);
    • evitare, ove possibile di accedere agli spazi confinati (soprattutto quando l’accesso è necessario per operazioni di ispezione o pulizia, esistono tecniche alternative);
    • disenergizzazione di tutte le forme energetiche presenti nello spazio confinato (tutte: elettrica, cinetica, magnetica, termica, elastica, chimica…).
  2. Controlli ingegneristici
    • ventilazione degli ambienti;
    • lock-out/tag-out;
    • perimetrazione e segnalazione;
    • analisi di tutti i parametri di bonifica, al fine di verificare l’efficacia degli interventi eseguiti;
    • ….
  3. Sistemi di allarme
    • monitoraggio continuo dell’aria ambiente;
    • odorizzazione dei gas;
    • segnaletica di pericolo;
    •  uso di rilevatori portatili;
  4. Formazione, addestramento e procedure
    • permesso di lavoro;
    • procedure di allarme;
    • sistemi di comunicazione;
    • procedure di emergenza;
  5. Dispositivi di protezione individuale

Bucare uno solo di questi passaggi può condurre ad effetti non prevedibili.

 

Nuovo decreto spazi confinati: viaggio nell’iperuranio

Se il buon giorno si vede dal mattino, si prospetta un diluvio.

Fresco come un ovetto di giornata, croccante come il pane appena sfornato, il nuovo DPR n. 177/2011 merita certamente alcuni commenti, non fosse altro per l’importanza dell’argomento trattato: la sicurezza negli spazi confinati.

Commenti che farei partire dal titolo del decreto: “Regolamento recante norme per la qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi operanti in ambienti sospetti di inquinamento o confinanti, a norma dell’articolo 6, comma 8, lettera g), del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81”.

D’accordo che la rubrica di una legge non è legge, ma essa però può servire a spiegare il contenuto della norma. Ed allora la domanda è: perché la scelta del termine confinanti?

Possiamo con certezza escludere che si tratti di un errore di ortografia (alcuni pensano volesse scrivere confinati). Solo una persona in malafede potrebbe pensare che il legislatore scriva le leggi senza leggerle. Se ciò fosse vero, si chiamerebbero semplicemente scrivi, non leggi. E lui sarebbe uno scrivatore, non un legislatore. Gli antichi dicevano nomen omen…

Dunque ci deve essere qualche recondita motivazione, non immediatamente comprensibile ai nostri occhi.

L’ipotesi più accreditata, ma se volete anche la più semplice e quella di immediata interpretazione, è che il regolamento si applichi anche agli ambienti adiacenti a quelli sospetti di inquinamento (confinanti, per l’appunto). Come dire: definita una zona a rischio di inquinamento, si allarga il suo perimetro comprendendone all’interno gli ambienti confinanti per ottenere, diciamo, una zona di rispetto.

Io, tuttavia, ho un’ipotesi che meglio si attaglia alle caratteristiche del nostro legislatore comprendendone il fine ultimo, se volete la sua escatologia.

Platone definiva l’iperuranio come lo spazio confinante al nostro cielo, ma esterno ad esso, in cui risiedono le idee. Ecco, probabilmente il nostro legislatore intende qualificare le imprese o i lavoratori autonomi destinati ad operare nello spazio confinante, o meglio, nell’iperuranio. Forse per trovare suoi degni successori…

Chiarito dunque l’ambito in cui ci muoviamo, passiamo al campo di applicazione del decreto (scaricate l’allegato per meglio seguire), definito dai commi 2 e 3 dell’articolo 1.

Vedremo come quella di una visione iperuranica dell’universo da parte del legislatore sia certamente l’ipotesi più probabile.

Dal comma 2 si evincono quali siano gli ambienti nei quali si debbono svolgere le lavorazioni oggetto di qualificazione da parte del decreto, ovvero il campo di applicazione:

ambienti sospetti di inquinamento di cui agli articoli 66 e 121 del D.Lgs. n. 81/2008, e ambienti confinati di cui all’allegato IV, punto 3

Come si vede, il decreto non si applica solo agli spazi confinati (o confinanti che dir si voglia), ma il suo campo di applicazione è ancorato alle definizioni di alcuni ambienti definiti nel D.Lgs. n. 81/2008 e precisamente:

–       art. 66: pozzi neri, fogne, camini, fosse, gallerie e in generale in ambienti e recipienti, condutture, caldaie e simili, ove sia possibile il rilascio di gas deleteri

–       art. 121: pozzi, fogne, cunicoli, camini e fosse in genere, con possibile presenza di gas o vapori tossici, asfissianti, infiammabili o esplosivi

–       Allegato IV, punto 3: tubazioni, canalizzazioni e recipienti, quali vasche, serbatoi e simili

Questi e non altri.

Che sia all’art. 66 che all’art. 121 la definizione dell’ambiente non possa prescindere dal rischio derivante dalla presenza di gas all’interno di tali ambienti è evidente anche dal fatto che il legislatore iperuranico li definisce ambienti sospetti di inquinamento. Dunque per capire se si rientra nel campo di applicazione della norma, non basta che l’ambiente rientri tra quelli citati nei due articoli, ma essi devono presentare rischi derivanti dal rilascio di gas.

Pertanto, tanto per capirci, sono esclusi da questa definizione ambienti, pur ricadenti nell’elenco di cui agli artt. 66 e 121, in cui i rischi derivano da polveri, sia sotto il profilo tossicologico o di formazione di ATEX, ma anche quegli ambienti nei quali i rischi siano di altra natura, per esempio meccanici, elettrici, ecc.

Dunque, un’impresa destinata ad operare in uno scavo in cui si possa escludere la presenza di gas non necessiterà di alcuna specifica qualificazione, né si applicheranno le misure previste dal DPR 177/2011, anche se saranno presenti altri rischi tipici degli spazi confinati, per esempio il seppellimento.

Il successivo comma 3 del decreto è ancora più sconcertante e conferma, se mai ce ne fosse bisogno, la concezione metafisica della sicurezza secondo il nostro legislatore.

In esso infatti si circoscrive l’attività di verifica tecnico professionale da parte del committente ai soli casi in cui si ricada nel campo di applicazione dell’art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008, ovvero ai lavori in appalto, prestazione d’opera o somministrazione nei quali il committente sia un datore di lavoro.

In due parole, se un privato cittadino dovesse aver bisogno di eseguire un’attività di manutenzione nella propria piscina (spazio confinato ai sensi dell’allegato IV, punto 3), non sarebbe tenuto ad eseguire alcuna specifica attività di verifica della qualificazione dell’impresa ad eseguire lavori del genere.

Evidentemente non sono abbastanza qualificato ad operare nello spazio confinante ed iperuranico, ma francamente fatico a comprendere questa distinzione, dato che il rischio è sostanzialmente legato all’ambiente in cui si svolgono le lavorazioni, non solo alla circostanza che esse siano o meno appaltate da un datore di lavoro o da un privato cittadino…

L’articolo 2 del DPR n. 177/2011, ci riporta alla realtà ed in esso sono contenute senz’altro norme apprezzabili, anche perché con esse si superano gli attuali limiti dell’art. 26 relativamente alle modalità con cui eseguire la verifica dell’idoneità tecnico-professionale di un’impresa, fornendo alcune indicazioni che certamente vanno nella direzione di una vera e propria qualificazione delle imprese.

Tra le norme apprezzabili, vale la pena citare:

–       presenza di personale, in percentuale non inferiore al 30% della forza lavoro, con esperienza almeno triennale relativa a lavori in ambienti sospetti di inquinamento o confinati. Tale esperienza deve essere necessariamente in possesso dei lavoratori che svolgono le funzioni di preposto

–       informazione e formazione e addestramento di tutto il personale, ivi compreso il datore di lavoro ove impiegato per attività lavorative in ambienti sospetti di inquinamento o confinati

–       DPI, strumentazione e attrezzature di lavoro idonei e  di addestramento al loro uso

–       DURC e integrale applicazione della parte economica e normativa della contrattazione collettiva di settore

–       Subappalti specificatamente autorizzati dal committente (anche se questo è già previsto nel codice civile, non fa male ribadirlo)

Qualche piccolo dubbio lo sollevo sul concetto di 30% della forza lavoro con esperienza triennale nel settore degli spazi confinati… Se da un lato è bene puntare finalmente sul concetto di esperienza e di curriculum, dall’altro mi chiedo: ma perché, fatti 100 i lavoratori di un’azienda, ben 30 debbano essere esperti di spazi confinati, anche se magari le attività della stessa prevedono che solo 3 di loro lavorino in spazi confinati? Forse per forza lavoro intendeva solo la squadra di lavoratori assegnata al singolo appalto?

Se il decreto si fosse limitato a fare quello che si era prefissato di fare (definire le modalità di qualificazione), a questo punto avremmo potuto dire che tutto è bene anche se inizia male.

Ma l’ultravitaminizzato legislatore, galvanizzato dall’aver scritto qualcosa di utile, ha forse ritenuto che un decreto di soli 2 articoli non bastasse e, poiché il dominio dei numeri interi positivi è superiormente illimitato, ha deciso di scrivere anche l’articolo 3 e Dio solo sa dove sarebbe potuto arrivare.

Se l’articolo 2, contiene norme apprezzabili scritte durante una visita illuminata oltre la volta celeste di platonica concezione, l’articolo 3 è evidentemente frutto di una peperonata ingerita la sera poco prima di andare a dormire che deve aver turbato il sogno del legislatore.

In esso infatti, al comma 1, si prevede che prima dell’accesso ai luoghi definiti nel campo di applicazione, debba essere eseguita apposita attività di informazione. Fin qui nulla di strano, se non fosse che è previsto che tale attività non duri meno di un giorno!

Ancora una volta ammetto la mia mancata idoneità ad operare nell’iperuranio, ma non capisco nemmeno lontanamente cosa si intenda raggiungere con questa indicazione.

Sostanzialmente il nostro ha ritenuto che, indipendentemente dai rischi che possano esservi concretamente, si necessiti di almeno un giorno (ed oso sperare che si riferisse ad una giornata lavorativa di 8 ore, non ad un giorno solare di 24 h).

E se l’attività fosse ripetitiva, per cui si debba tutti i giorni entrare in quel medesimo spazio confinato, con quei medesimi rischi, tutte le volte si dovrà ripetere l’informazione dei lavoratori per almeno una giornata? A mio avviso, oltre che a raddoppiarsi inutilmente il numero di giorni di lavoro (giacchè anche per un intervento di un giorno o meno è richiesto almeno un ulteriore giorno di formazione), si arriverà all’alienazione dei lavoratori che si sentiranno ripetere, a giorni alterni, sempre le stesse cose.

E poi siamo davvero sicuri che un giorno sia il tempo minimo necessario per trasferire ai lavoratori le conoscenze necessarie? Quali studi, ricerche, analisi, indagini di mercato avranno spinto il nostro legislatore ad usare il “giorno” come unità di misura non frazionabile dell’informazione negli spazi confinati?

E che la peperonata fosse particolarmente pesante è anche dimostrato dall’obbligo del successivo comma 2 di individuare un rappresentante del committente in possesso della formazione, informazione ed addestramento  di cui all’articolo 2, comma 1, lett. c) e f).

Peccato che la citata lett. c) non parli assolutamente di formazione, informazione e addestramento….

Devo ammettere che a questo punto la mia convinzione che il legislatore fosse in viaggio nell’iperuranio quando ha scritto questa norma ha traballato. Ammetto di aver dubitato.

Poi ho ripensato agli ultimi capolavori normativi di cui ci ha omaggiato e ora non vacillo più.