Pubblicato in: incidenti

Natale sta arrivando

christmas-is-coming

Non ci sono soluzioni.

Puoi solo ridurre i danni.

Per esempio, occhio alle lucine natalizie.

Il 6 dicembre (il giorno di San Nicola… alias Santa Claus… aka BABBO NATALE… L’ennesima prova che non puoi fidarti di nessuno) la Commissione europea ha reso pubblici i risultati dei test effettuati sulle luci di Natale ed è risultato che il 20% di quelle testate non sono a norma.

Ne avevo già parlato qui 9 anni fa, ma nel frattempo la situazione non è migliorata di tanto.

20%.

Quali difetti siano stati riscontrati, non è dato sapere, poiché  i dettagli dello studio non sono ancora stati pubblicati, ma guardando quello di 9 anni fa, se tanto mi dà tanto, parliamo di rischio elettrico e rischio incendio.

Proviamo allora a dare qualche consiglio pratico per non peggiorare la situazione che già basta il Natale…

  1. Diamo per scontato che prendiate solo roba col marchio CE.
    O le acquistate sotto casa oppure online, non cambia nulla. Perché tanto anche quelle testate dalla Commissione europea avevano il marchio CE.
    Quindi, magari, acquistate quelle che, oltre al marchio CE, siano certificate anche da un istituto indipendente tipo TÜV o abbiano un marchio di qualità come, ad esempio, IMQ.
  2. Verificate il grado di protezione IP.
    Se siete tra quelli che fanno l’albero di Natale anche in giardino e sul tettuccio dell’auto, allora sulla confezione dovete guardare i simboli della tabella qui sotto.Schermata 2018-12-20 alle 18.28.37.pngQuelle per “uso esterno” devono essere almeno IP44 e devono avere la spina shuko.
  3. Se sulla confezione ci fosse riportato questo simbolo qua:
    Casaindovinate un po? Le luci sono solo per uso interno.
    Se, invece del simbolo, c’è proprio scritto “uso interno”, non potete usarle all’esterno.
    So che sembra la stessa cosa ed infatti lo è. E quando sono per uso interno, allora non sono per uso esterno. Mai.
  4. Se avete un bambino di 2 anni come me e gli avete regalato per Natale gli attrezzi isolati e un coupon per un corso PES/PAV, è probabile che lui voglia cimentarsi coi lavori elettrici sotto tensione. Mi sembra pure giusto… Sennò quando imparano ‘sti ragazzi. Se non siete sicuri della qualità del corso che ha frequentato, potete  allestire il vostro albero con lucine LED alimentate a bassissima tensione (roba da 12-24V). Le riconoscete da questo simbolo qui sulla confezione:
    SELVSe invece pensate che il corso sia stato fatto bene, allora potete mettere quelle standard, alimentate a 230V. In questo caso il rischio elettrico aumenta, ma per limitarlo ai soli contatti diretti, dobbiamo acquistare delle luci a doppio isolamento, cioè con questo simbolo qui:
    Doppio_isolamentoRipensandoci, queste due regolette non valgono solo per il bambino di 2 anni, che sa cavarsela da solo.
  5. Se volete comprare quelle lucette ad intermittenza che non solo intermittano, ma cambiano il modo e la velocità di intermittare con un pulsante, allora dovete guardare bene la scatoletta dove in genere è posizionato il pulsante (cioè il controller). Premetelo con i pollici, come farebbe una massaggiatrice thailandese mentre vi tortura. Se sentite che cede, lasciate perdere… Materiale scadente.
  6. Staccate sempre la spina prima di uscire di casa o di andare a letto.

Se non sono riuscito a farvi passare la voglia di festeggiare, BUON NATALE 🙂


V.I.P.S. (Very Important Post Scriptum)
È la prima volta che leggi questo blog?
Allora è probabile che ci ritornerai. Senti a me: ti conviene ricevere delle notifiche quando scriverò nuovi post.
Guarda in alto a destra, c’è la mia foto. Indipendentemente dal tuo sesso, resisti alla tentazione carnale e  guarda sotto, dove dice «Segui ottantunozerotto.it».
Se invece non era la prima volta che leggevi questo blog, allora lo vedi che c’avevo ragione? Fai come ti dico, senti a me…

Annunci

5 pensieri riguardo “Natale sta arrivando

  1. Ciao Andrea e grazie dei tuoi consigli. Vorrei aggiungere qualcosa. IP44 e presa Schuco va bene se sotto tettoia, altrimenti ci vuole quella impermeabile. E poi……..LE PROLUNGHEEE!!! A mio parere devono essere solo del tipo CEE industrale, o c’è qualcosa di civile IP65?

    Piace a 1 persona

    1. Grazie Renato.
      Consentimi di precisare, a beneficio di chi ci legge, che tu stai parlando di “prese”, io parlavo di “spine”:
      Non è per correggere, ma potrebbe sfuggire questa importante “sottigliezza” che invece fa tutta la differenza quando si parla di sicurezza.
      E hai fatto benissimo ad aggiungere questi consigli…
      (a dirti la verità, più scrivevo, più ne venivano in mente… Mi sono fermato perché altrimenti questo post non l’avrebbe letto nessuno)

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...