Pubblicato in: cultura della sicurezza, Formazione

Metti la cera… Togli la cera…

Siamo negli anni ’80, decennio funestato da scaldamuscoli, spalline, capelli cotonati.
Ma c’è anche «Karate Kid».

Allora, c’è questo ragazzo di origini italiane, un po’ sfigato, Daniel, che si trasferisce con la mamma in California e conosce una Tipa figa che è la ex di un Tipo alto, grosso e, soprattutto, cintura nera di karate.
Siccome il bullismo non ce lo siamo inventati negli anni 2000, il Tipo si ‘mbunna* vedendo che la sua ex-Tipa è attratta dallo sfigato e non perde occasione per karatekizzarlo (fargli il culo a colpi di karate) tutte le volte che lo incontra.

Daniel conosce, allora, il Maestro Miyagi (se questo nome non vi dice niente, non meritate questo blog e, forse, nemmeno le crepes con la nutella), un vecchietto immigrato dal Giappone che convince a colpi di karate pure i CSE a non chiedere il POS ai lavoratori autonomi.

Dopo lunghe insistenze da parte di Daniel, Miyagi si offre di insegnargli il karate, a patto che questi non discuta i metodi di insegnamento.
È qui che il film è entrato nella storia con la celebre frase pronunciata da Miyagi:

«Prima lava tutte le macchine. Poi le lucidi, con la cera. Devi dare la cera con la mano destra e la devi togliere con la sinistra. Dai la cera, togli la cera. Il respiro lo prendi con il naso e lo emetti dalla bocca. Dai la cera, togli la cera. Non dimenticare il respiro: è molto importante.»

Dopodiché, nel film succedono cose, tra cui il colpo «della gru» e il resto lo immaginate da soli.

Karate_Kid

Il Maestro Miyagi insegna che, se vuoi imparare il karate, non ti bastano le nozioni sul karate: devi mettere la cera e togliere la cera. Tante volte. Per tanto tempo. E allenarti duramente. Non impari il karate in una lezione, nemmeno se il tuo maestro è Bruce Lee (a maggior ragione, perché Bruce Lee faceva Kung Fu). Nemmeno se stai molto attento quando te lo spiegano.

È per questo che la formazione fatta come richiedono gli Accordi della Conferenza Stato-Regioni è sbagliata.
Non basta catafottere le informazioni nella testa del lavoratore per colmare le sue lacune, infarcendolo di nozioni e consigli fino a rendere la formazione «sufficiente e adeguata».

Non te lo dico io. Te lo dice il Maestro Miyagi.

Mettere la cera e togliere la cera non serve ad acquisire solo abilità.
Serve per creare un mindset, un modo di pensare e di essere.

Mettere la cera e togliere la cera è parte di un processo educativo.
Educazione che, etimologicamente**, significa «trar fuori».
Eh già, perché l’educazione, quella vera, non punta a colmare le lacune, ma a far esprimere il potenziale del soggetto. E richiede cura e dedizione.

 

* ‘Mbunnàra, v.tr.intr.rifl = umiliare(rsi), affligere(rsi), mortificare(rsi), dannare(rsi), sconsolare(rsi) [da «Dizionario della lingua catanzarese con grammatica» di V. Sorrenti, ed. La Rondine»
** Educare deriva dal latino ex ducere


V.I.P.S. (Very Important Post Scriptum)
Se la cosa ti interessasse, puoi ricevere una notifica via mail quando pubblicherò nuovi articoli (guarda in alto a destra, sotto la mia foto. Per quanto irresistibile, ignora la foto e guarda sotto, dove dice «Segui ottantunozerotto.it»).

Annunci

4 pensieri riguardo “Metti la cera… Togli la cera…

  1. Mi hai rallegrato questo lunedì.
    Ovviamente sono stra-d’accordo.

    P.S. secondo me “karateKizzarlo” suonava meglio, sia perché derivante da “karateka” sia perché le mazzate che prende sono una vera “catechizzazione”

    Mi piace

  2. Non si può che essere d’accordo. Ma solo se avete la speranza che il soggetto sia educabile. Moltissime volte, purtroppo, secondo me, non lo è.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...