Dove sta scritto? …La verità, vi prego, sulle ciabatte

Anche le fognature della sicurezza nei luoghi di lavoro sono piene di coccodrilli albini.
Alcuni di questi miti sono diventati virali prima dell’avvento dei social network e la loro sopravvivenza è alimentata e incoraggiata dall’effetto Lindy: quanto più una fesseria risale nel tempo, tanto più probabilmente te la ritroverai nel futuro.

PANTOFOLA ST REGIS

Ieri un collega mi fa:

COLLEGA: «Tu come ti comporti con l’uso delle ciabatte sui luoghi di lavoro?».

IO: «Assolutamente vietate. I lavoratori devono indossare calzature idonee… Le pantofole vanno bene la sera a casa, come la vestaglia».

COLLEGA (visibilmente scollegato): «Eh? AH! No, io mi riferisco alle ciabatte elettriche, le prese multiple. Lo so che sono vietate, ma come fai ché le prese fisse a muro non sono mai sufficienti? E poi, spesso, me le ritrovo messe per terra invece che essere fissate in verticale…»

IO (dissotterrando l’ascia di guerra): «…Viso pallido, tu parli con lingua biforcuta».

Dove sta scritto?

Infatti, dove sta scritto che le prese multiple sono vietate e, in generale, non possono essere usate sui luoghi di lavoro? Semplicemente da nessuna parte. Trattasi di fesseria seriale.
Purtroppo, su una cosa il collega aveva ragione: le prese non bastano mai (tanto che sentiamo la necessità di aggiungervi anche le prese per il culo). Ma le norme non vietano l’uso in collegamento permanente delle prese multiple mobili.

Sulla faccenda che non possano essere installate in orizzontale, il mito trova origine nell’applicazione errata del commento all’art. 537.5.2 della norma CEI 64-8 che dice:

«… si raccomanda che per le prese a spina ad installazione fissa la direzione d’inserzione delle relative spine risulti orizzontale (o prossima all’orizzontale)»

Appunto: prese a spina ad installazione fissa. Le ciabatte elettriche non c’entrano nulla e, comunque, quel commento non è, a prescindere, una prescrizione tassativa.

Le prese multiple, come tutto, devono essere costruite a regola d’arte. E basta.

Non sono tutte uguali e comprarle al risparmio, significa tirarsi addosso i guai.

Un conto è l’ordinaria prudenza, un conto è la superstizione. Le prese multiple non sono un ricettacolo di spiriti maligni (ma possono diventarlo di polvere, se lasciate a terra e se non si riesce a pulire bene a causa dei grovigli di cavi) e sono più frequentemente causa di infortuni derivanti da inciampo che di natura elettrica.

Ricordiamo che, a monte, la presa mobile multipla deve essere allacciata ad una presa fissa la cui linea deve essere protetta (lo dicono le norme) dalle sovracorrenti mediante interruttori automatici magnetotermici. Pertanto, in caso di sovraccarico della linea, con potenziale rischio di incendio, interverrebbe la protezione dell’impianto (N.B.: sovraccarico della linea. Se sovraccaricate la presa multipla e questa ha una portata massima inferiore a quella della linea a cui è collegata – sulla base della quale è stato scelto il magnetotermico – la protezione potrebbe non intervenire).

E, a dirla tutta, le ciabatte sono molto meglio degli adattatori tripli, non fosse altro che, anziché massimo 1500 W, permettono di gestire carichi che possono arrivare fino a 3000 W (da verificare rispetto al prodotto effettivamente acquistato leggendo la dicitura stampigliata sul dispositivo).

 

Annunci

4 pensieri riguardo “Dove sta scritto? …La verità, vi prego, sulle ciabatte”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...