Pubblicato in: Formazione

D.Lgs. 81/2008, art. 37, comma 12: l’obbligo di collaborazione con gli organismi paritetici

L’articolo 51 del D.Lgs. n. 81/2008, così come modificato dal D.Lgs. n. 106/2009, ha assegnato nuove capacità agli organismi paritetici, in particolare, oltre quella di promuovere attività di formazione, anche la possibilità di svolgere in prima persona tale compito.

Vale la pena precisare come, tuttavia, questa facoltà non debba essere intesa come ruolo privilegiato o addirittura riservato, non avendo il legislatore in alcun modo conferito a tali soggetti l’esclusiva sullo svolgimento di tale attività.

Ciò che invece appare imprescindibile, ancorchè non sanzionato, è l’obbligo del datore di lavoro di fare avvenire la formazione in “collaborazione con gli organismi paritetici” (art. 37, comma 12).

Ma cosa deve intendersi col termine di “collaborazione“?

Chiarito che lo svolgimento dell’attività formativa non è una prerogativa dell’organismo paritetico, la richiesta e l’offerta di collaborazione non può che intendersi come l’aiuto o il sostegno che l’organismo paritetico deve dare alle imprese per contribuire al raggiungimento dell’obiettivo, cioè al conseguimento di una formazione sufficiente ed adeguata.

Il legislatore non fornisce indicazioni circa le modalità con la quale tale collaborazione debba essere erogata, ma è evidente che, essendo l’impresa, nella figura del datore di lavoro, il soggetto obbligato, nonché penalmente responsabile dell’obbligo formativo, essa continui a mantenere un ruolo assolutamente centrale nella scelta delle modalità e delle condizioni alle quali la formazione dovrà essere erogata, non potendo l’azienda limitarsi ad eseguire tale attività in maniera burocratica, essendo ancorata ad un obbligo di risultato, ovvero quello di garantire ai propri lavoratori una formazione sufficiente e adeguata.

L’organismo paritetico, dal canto suo, non ha alcun obbligo di risultato né tantomeno risponde direttamente del proprio operato, essendo il datore di lavoro il destinatario dell’obbligo.

Sarebbe perciò alquanto bizzarro che il datore di lavoro possa essere costretto a piegare le proprie scelte in funzione delle indicazioni o, peggio, delle “imposizioni” impartite dall’organismo paritetico al fine di ottenere la sua collaborazione, rimanendo poi egli comunque l’unico responsabile.

Questo è tanto più vero quando l’organismo paritetico impone, al fine di garantire la propria collaborazione, l’esecuzione di corsi secondo proprie modalità, programmi, orari o docenti, elementi che non forniscono a priori una certezza di risultato, specie se a fronte di corsi di formazione correttamente progettati e proposti dal RSPP, ovvero la figura alla quale la norma assegna tale compito.

Tutto questo senza considerare il fatto che, frequentemente, la sollecitudine con la quale gli organismi paritetici rispondono alle richieste delle aziende non coincide con le tempistiche e le necessità delle stesse, le quali devono procedere a garantire il diritto alla formazione nel minor tempo possibile per adempiere al dettato legislativo e garantire la sicurezza dei propri lavoratori.

In caso di infortunio il datore di lavoro non potrà giustificarsi affermando di non aver potuto procedere alla formazione perché, pur avendo richiesto la collaborazione degli organismi paritetici, non avrebbe ottenuto da essi alcuna risposta in merito…

Un ulteriore punto sul quale vale la pena soffermarsi è il duplice ruolo assegnato dal legislatore agli organismi paritetici: da un lato quello di soggetti ai quali le aziende devono richiedere la “collaborazione” per poter procedere alla formazione, dall’altro quello di “erogatori diretti di formazione”.

Se effettivamente l’organismo paritetico avesse la possibilità di porre un veto sull’attività formativa proposta dal datore di lavoro, essendo egli stesso fornitore di questo servizio, ciò richiederebbe un intervento immediato del Garante dell’antitrust per abuso della propria posizione dominante sul mercato.

Pertanto, a fronte di una richiesta di collaborazione da parte delle aziende, il ruolo dell’organismo paritetico dovrebbe essere principalmente propositivo, ovvero, partendo dalla proposta dell’azienda, analizzarne la congruità e la conformità alle richieste della norma (praticamente silente in merito allo stato attuale) e soprattutto al fabbisogno formativo dei lavoratori di quell’azienda, proponendo eventuali supporti o strumenti ulteriori in merito, ma senza alcuna velleità di volerne autenticare la validità.

Il datore di lavoro, dal canto suo, valuterà le proposte e deciderà se metterle in pratica o meno, ma senza per questo inficiare in alcun modo la validità o meno dell’avvenuta collaborazione, la quale da sempre, nelle faccende umane, prescinde dal seguire i consigli che vengono dati, in particolare quando il soggetto che se ne assume le responsabilità è solo la persona costretta a  chiedere aiuto.

Credits
Le presenti riflessioni e la voglia di esprimerle sono il frutto del Seminario sulla sicurezza tenutosi ad Aquileia il 20 dicembre scorso, organizzato dal vulcanico Ing. Ugo Fonzar. 
Tra i partecipanti di quella giornata, davvero “partecipanti”, un sincero ringraziamento lo devo alla Dr.ssa Amabile Turcatel del Centro Edile per la Formazione e la Sicurezza. della quale non posso che ammirare e stimare l’impegno con cui conduce la propria attività.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...